Crea sito

Cavalleria rusticana, Preludio

Opera: Cavalleria rusticana
Musica: Pietro Mascagni.
Libretto: Giovanni Targioni-Tozzetti e Guido Menasci.

[Preludio]

Cavalleria rusticana presenta numerosi momenti in cui ampio spazio è dato a brani puramente strumentali; melodie meravigliose che arrivano dritte al cuore, e che rendono quest’opera qualcosa di unico e speciale.

L’opera si apre con questo Preludio sinfonico, che comincia sereno e languido; è ancora notte nel villaggio siciliano in cui la vicenda è ambientata…. Il paese dorme tranquillo; è il giorno di Pasqua.  Ma poi la musica si anima, anticipando i motivi musicali che torneranno nei momenti cruciali del dramma: la tranquilla spiritualità in cui vive il paese cede il passo alle passioni mondane che scuotono i protagonisti. Tutto questo è reso con un‘intensità melodica raffinatissima e indimenticabile, che cattura lo spettatore fin dalle prime note.

Il Preludio non finisce con questa parte strumentale: prosegue con la Siciliana, la serenata cantata a Lola da Turiddu, da cantare ancora sipario calato. Questo elemento inconsueto per un Preludio fece esitare Mascagni, che non ebbe, per così dire, il ‘coraggio’ di includerlo subito nell’opera; inizialmente aveva messo come preludio il brano musicale che precede il coro ‘Gli aranci olezzano‘. Solo più tardi, quando la sua opera passò la prima scrematura del concorso a cui volle partecipare, si presentò davanti alla commissione con sottobraccio il Preludio ‘vero’; i membri della commissione si incuriosirono, e gli chiesero di suonarlo al pianoforte davanti a loro. Benché insolito, lo apprezzarono molto e gli accordarono il permesso di includerlo nell’opera.

In questo video YouTube si può vedere il Preludio di Cavalleria rusticana:

Spartito del Preludio di Cavalleria Rusticana

Spartito del Preludio di Cavalleria Rusticana su Google Libri

Per saperne di più su Cavalleria rusticana:

Cavalleria rusticana, scheda dell’opera: personaggi, libretto, trama, tutte le più belle arie, mp3 da scaricare, e tanto altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *