Crea sito

A un dottor della mia sorte (aria di Bartolo) — Il barbiere di Siviglia

A un dottor della mia sorte
queste scuse, signorina?
Vi consiglio, mia carina,
un po’ meglio a imposturar….

Opera: Il barbiere di Siviglia
Musica: Gioachino Rossini
Libretto: Cesare Sterbini

[Atto I, scena 10]

Il dottor Bartolo ha capito che Rosina, con l’aiuto di Figaro, è riuscita a far arrivare un biglietto al suo amato Lindoro, nonostante la sua sorveglianza. Lui cerca di metterla alle strette incalzandola con le domande, ma Rosina accampa scuse e fa la finta innocente. Il dottore però capisce il suo gioco e alla fine perde la pazienza; in quest’aria chiede più rispetto per la sua posizione e intelligenza; un dottore come lui non può credere alle scuse puerili che lei gli sta raccontando. Rosina però non cede e non risponde alle sue domande inquisitrici; così alla fine il dottore decide di farla chiudere nella sua stanza.
A un dottor della mia sorte è una delle arie buffe più difficili dell’intero repertorio operistico, un pezzo di bravura per un basso; la melodia ricalca il tono borioso del dottor Bartolo, e poi ad un certo punto (da ‘Signorina un’altra volta’)  acquista un tono assai concitato; le parole diventano un martellante sillabato, appena distinguibili l’una dall’altra: tenere il ritmo e scandire i suoni in modo comprensibile è davvero un’impresa per chi la esegue. Sembra quasi un ‘rap’ ante litteram! :) Poi su questa parte c’è un altro particolare da far notare: qui Rossini ha composto una forma sonata, una composizione insolita per i contemporanei, che sicuramente l’avranno avvertita come qualcosa di ‘pedante’, e quindi perfetta per rappresentare il carattere di Don Bartolo.

L’aria risultò subito molto difficile, tanto che già nel 1816 fu sostituita, con il consenso di Rossini, da una più facile: ‘Manca un foglio’, composta da Pietro Romani. Solo nel 1940 si tornò ad eseguire l’aria dell’originale rossiniano.

In questo video Youtube Claudio Desderi canta A un dottor della mia sorte:

A un dottor della mia sorte
Testo

A un dottor della mia sorte
queste scuse, signorina?
Vi consiglio, mia carina,
un po’ meglio a imposturar.
Meglio! Meglio! Meglio! Meglio!

I confetti alla ragazza?
II ricamo sul tamburo?
Vi scottaste: eh via!
Ci vuol altro, figlia mia,
per potermi corbellar.
Altro! Altro! Altro! Altro!

Perché manca là quel foglio?
Vo’ saper cotesto imbroglio.
Sono inutili le smorfie;
ferma là,
non mi toccate!

Figlia mia, non lo sperate
ch’io mi lasci infinocchiar.
Via, carina, confessate;
son disposto a perdonar.
Non parlate? Vi ostinate?
So ben io quel che ho da far.

Signorina, un’altra volta
quando Bartolo andrà fuori,
la consegna ai servitori
a suo modo far saprà.
Ah, non servono le smorfie,
faccia pur la gatta morta.
Cospetton! per quella porta
nemmen l’aria entrar potrà.

E Rosina innocentina,
sconsolata, disperata,
in sua camera serrata
fin ch’io voglio star dovrà.

A un dottor della mia sorte
English translation

For a doctor of my standing
these excuses, Signorina,
I advise you, my dear child,
to invent a little better.
Better! Better! Better! Better! etc.

Sweets for Marcellina!
A design for your embroidery!
And the scalding of your finger!
It takes more than that, my girl,
to deceive me with success.
More! More! More! More!

Why is that sheet of paper missing?
I mean to find out what’s going on.
No, coaxing is useless.
Keep away, don’t touch me.

No, my dear girl, give up all hope
that I’ll let myself be fooled.
For a doctor of my standing
these excuses, Signorina,
I advise you, my dear child,
to invent a little better.

Come, dear child, confess it all.
I am prepared to pardon you.
You don’t answer? You are stubborn?
Then I know well what I’ll do.

Signorina, another time
when Bartolo must leave the house
he’ll give orders to the servants
who will see you stay inside. etc.
Now your pouting will not help you
nor your injured innocence.
I here assure you, through that door
the very air itself won’t enter. etc.

For a doctor of my standing
does not let himself be fooled.
And little innocent Rosina,
disconsolate and in despair,
in her chamber shall be locked
so long as I see fit.

Spartito musicale:

A questo link puoi trovare lo spartito musicale di A un dottor della mia sorte:
http://en.scorser.com/Out/300548733.html

Altri video:

Gino Quilico:

Enzo Dara:

Francisco Marin:

Bruno Praticò:

Renato Capecchi:

Alfonso Antoniozzi:

 

Alfonso Antoniozzi – Anna Bonitatibus:

Per saperne di più sul Barbiere di Siviglia:

Il barbiere di Siviglia, scheda dell’opera: personaggi, libretto, trama, tutte le più belle arie, e tanto altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *